Giovanardi vittima del moralismo dei relativisti

Per me è sconveniente -e spero che in tanti ne convengano- vedere persino una coppia normale che si scambia languidi baci in strada o in tram figuriamoci che effetto mi fà – o fa sui bambini!- vedere due maschi o due femmine che si slinguano con libidine (in genere gli omosessuali  -non tutti, of course- son esibizionisti e tendono infantilmente ad ostentare la propria diversità) davanti a tutti. Sicchè, per favore: niente moralismi. Giovanardi subisce lo stesso trattamento che ebbe Buttiglione quando parlò -in linea col Magistero- di peccato riferito alla pratica della omosessualità. Spero che ora il professore sia solidale con lui e che non sia doppiamente strabico.

A TUTTI I CATTOLICI CHE ANCORA “CREDONO” NEL TERZO POLO

Riporto, senza commenti, questa notizia dal sito dell’ansa:

Terzo polo: Della Vedova contro Chiesa

(ANSA) – ROMA, 29 GEN – Benedetto Della Vedova, di Futuro e liberta’, apre un fronte polemico con i cattolici dal palco del terzo polo a Todi. Della Vedova, che viene dal Partito radicale, ha attaccato la Chiesa sul terreno dei temi etici, che i cattolici giudicano non negoziabili. Rocco Buttiglione, presidente dell’Udc, risponde che ha sbagliato i suoi calcoli chi pensa che il nuovo polo possa contribuire alla scristianizzazione della societa’. All’assemblea di Todi non partecipa oggi Gianfranco Fini, che e’ ammalato.
OMOSESSUALITà.jpg