Il Governo Monti

Riporto integralmente l’articolo odierno apparso su “La Bussola Quotidiana” scritto dal Direttore della Testata, Riccardo Cascioli. Va da sè che ne condivido in tutto e per tutto il contenuto. Il titolo originale è “Viva la tecnica” ed è una lucidissima analisi della delicata fase politica.(c.d.)


Alla fine è andata come noi non volevamo andasse. Invece che puntare subito alle elezioni anticipate anche il Pdl si è piegato al governo “tecnico”: incarico a Mario Monti, già oggi forse avremo i nomi dei ministri. Secondo le previsioni già oggi dovremmo vedere i primi effetti benefici della soluzione, con l’affievolirsi degli attacchi speculativi sull’Italia.

Rimane però il fatto che quella in cui siamo entrati è una fase di sospensione della democrazia, perché un governo viene praticamente imposto senza che sia mai stato votato dal popolo. partito popolare sturziano, don sturzo, sturzo e monti, il governo monti, la bussola quotidiana, il governo monti, mario monti, riccardo cascioli, politica, governo monti, viva la tecnica, cosimo de matteisLo dimostra il fatto che anche le forze politiche in Parlamento più ostili alla soluzione tecnica, alla fine hanno piegato la testa scendendo a più miti consigli.

 Ma soprattutto dobbiamo notare che alla base di questa soluzione alla crisi politica ci sono due menzogne enormi che meritano di essere messe in rilievo.

La prima è che un “governo tecnico” sia neutro, funzioni cioè come un idraulico o un elettricista: c’è un guasto, arriva il tecnico e lo aggiusta. In questo caso tra un tecnico e l’altro – a parte l’accuratezza del lavoro e il prezzo – non è che ci siano grandi differenze. Il guasto è quello, la strada per ripararlo è praticamente obbligata. Con il governo Monti ci si è comportati allo stesso modo, tanto è vero che nessuno gli ha chiesto nemmeno il programma, che cosa intenda fare, le forze in parlamento gli hanno dato il via libera prima ancora che proferisse una parola. Ma l’economia non è così: per il lavoro da fare un tecnico non vale l’altro, perché ogni scelta economica dipende da una visione dell’uomo, del lavoro, della società e perfino di Dio. Peraltro finora al ministero dell’Economia – in questo come nei governi passati – si sono sempre seduti dei “tecnici”, il che non ci ha impedito di arrivare sull’orlo del baratro. In effetti, non solo le scelte economiche dipendono da qualcosa che viene prima, ma c’è anche il fatto che l’economia non è una scienza esatta. Tanto è vero che nessun economista aveva previsto la crisi che oggi ci troviamo a vivere e basta dare un’occhiata a diversi giornali per capire quante idee diverse tra loro abbiano i cosiddetti “tecnici”.

Questo fatto rende ancora più grave la scelta al buio di un governo “tecnico” senza che si dica con chiarezza cosa si vuole fare, fosse anche la realizzazione pedissequa di quanto contenuto nella lettera della Bce.

La seconda menzogna è legata alla prima: è vero che la crisi economica è grave e certamente è sulla politica economica che si richiede la massima concentrazione, ma un economista a capo dell’esecutivo dà l’idea che l’economia sia praticamente l’unica occupazione vera del governo. Ma se Monti dovrà governare due anni,  ammesso che avrà pure successo in economia, cosa intende fare in materia di giustizia, di scuola, di bioetica, di sanità e così via? Il sospetto che con la scusa dei tecnici vengano fatte passare altre misure, in campi diversi dall’economia, che non sarebbero mai potute passare con il governo appena dimesso, è più che lecito. E anche se così non fosse resta un errore di prospettiva identificare l’attività di un governo con la sua politica economica. Per quanto l’economia sia importante essa non può occupare tutto l’orizzonte della nostra vita sociale.

Un ultimo aspetto ci conferma nella preoccupazione per questo passaggio: sabato abbiamo visto anche il volto peggiore dell’Italia, con manifestazioni di odio e violenza che dovrebbero farci vergognare di fronte al mondo ben più del bunga bunga. Purtroppo è un volto che periodicamente si manifesta nella nostra storia: probabilmente i mercati non ne terranno conto, ma di certo indica un atteggiamento davanti alla realtà più teso alla distruzione che alla costruzione.

 http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-viva-la-tecnica-3608.htm

Il Servo di Dio don Luigi Sturzo

immaginetta sturzo.jpgPuò darsi che in molti siano transitati qui quasi per caso magari cercando altro. Bene, ma oramai ci siete. Si, partito popolare sturziano. “Partito”, ergo: ci occupiamo di politica. Certo, è così. Ma con un grande ispiratore. Forse il più grande politico italiano. Ed è stato il più grande (postilla: “è stato” ma ancora oggi ci dona straordinari elementi ed insegnamenti validissimi e tuttaltro che “scaduti”) e pure un santo. Anzi: è stato il più grande proprio perchè santo. E, come tale, ci rivolgiamo a lui. E lo preghiamo, fiduciosi.

preghiera 001.jpg

L’esilio e gli scritti sociologici

L’esilio, per quanto doloroso, rappresentò per Don Luigi Sturzo la possibilità,per certi versi provvidenziale, di dedicarsi in maniera più approfondita e meno episodica allo studio, alle letture.
E fu naturale per lui accostarsi(o meglio: ri-accostarsi) alla sociologia giacché tale interesse era presente in Sturzo fin dagli anni dell’insegnamento presso il Seminario di Caltagirone dove tenne –è lo stesso Sturzo a rievocarlo- :« dei corsi collaterali di economia politica che poi fu detta, per marcare la tendenza verso i problemi dei rapporti con il lavoro,economia sociale.
Infine negli anni 1904-1906, lasciata la filosofia, dettai delle lezioni di sociologia. In quel periodo avevo già pubblicato l’Organizzazione di classe e le Unioni professionali, dedicandola al prof. Giuseppe Toniolo; poscia lo studio sociologico-filosofico La lotta sociale legge di progresso, che fu ripubblicata nel volume Sintesi sociali.
Da allora, l’esperienza nel campo sociale-amministrativo, in quello della pubblica amministrazione e in quello politico mi fù utilissimo all’elaborazione delle teorie sociologiche e storiche, alle quali mi dedicai nel lungo soggiorno all’estero.»

Ha scritto Gianfranco Morra: «Secondo una convinzione diffusa, la sociologia di Sturzo apparterrebbe prevalentemente al periodo londinese-americano.
Costretto dall’esilio a limitare fortemente la propria attività politica, Sturzo si sarebbe dedicato a quella riflessione sociale, della quale sarebbero stato frutto copioso le principali opere sociologiche.
Non v’è dubbio che questa convinzione parte da una ovvia constatazione: che la “libertà” dell’esiliato gli consentì di sistemare concettualmente il suo pensiero sociale e politico;essa,tuttavia, può far nascere un malinteso, non nella misura in cui colleghi la produzione sociologica al periodo dell’esilio, ma nella misura in cui la distacchi dal periodo precedente. In realtà, Sturzo fù sociologo sempre, fu politico sempre, fu uomo religioso sempre.
Senza mai confondere le tre attività, egli tuttavia sempre le coltivò tutte e cercò di armonizzarle in un sistema organico, in una antropologia integrale, nella quale l’analisi della società costituisce il preliminare per l’azione politica, e l’impegno politico è finalizzato a creare le maggiori condizioni possibili per la libertà e la dignità dell’uomo.(…)
La sociologia, definita in termini riflessi e critici nel periodo dell’esilio, ha inizi molto lontani.» .
Vediamo, dunque, quelle che sono le opere scritte durante il periodo londinese prima e americano poi. Sebbene ognuna di esse meriti una trattazione approfondita, noi ci soffermeremo a lungo e principalmente a La Vera Vita.Sociologia del soprannaturale, sia perche rappresenta –a nostro avviso- l’opera principale di Sturzo e che meglio compendia il suo pensiero, sia perché ai fini del lnostro discorzo sulla valenza educativa è il libro che ci offre maggiori spunti.
Lo scritto che inaugura la serie delle opere maggiori di questa fase è La Società.Sua natura e leggi (1935) , in essa vi è una prima ricca esposizione delle leggi sociologiche definite da Sturzo: «Il libro dove esposi con forma sistematica la mia teoria sociologica fu pubblicato per la prima volta nella traduzione francese col titolo di Essai de Sociologie(…)Avevo in precedenza pubblicato sulla Revue Internazionale de Sociologie lo studio su La concrétisation de la socialité che poi divenne il primo capitolo dell’Essai; poscia su La Vie Intellectuelle lo studio su Sociologie et Historicism che poi vi fu messo come Introduzione.»
Pertanto, fanno la loro prima comparsa la legge della individualità-socialità; la legge del moto verso la razionalità ; la legge di unificazione ; la legge di dualità (o di polarizzazione); la legge di autonomia-interferenza; la legge di risoluzione.
E’ inoltre presente quella che è la morfologia sociale secondo Don Luigi Sturzo: «L’oggetto della morfologia sociale sono le forme della società, ossia i modi in cui la società si concretizza.(…).Vi sono tante forme sociali (e non più), quanti sono i fini naturali dell’attività umana.
L’uomo ha tre fondamentali esigenze: l’affettività e la perpetuità, la garanzia di ordine e difesa, la finalità etica e religiosa.
Tre,dunque, saranno le forme sociali: famiglia,politica(Stato) e religione(Chiesa).»

Le parole sturziane sull’educazione

DON LUIGI STURZO.jpgE’ datato il giorno dell’Immacolata (8 Dicembre 1900) il primo intervento significativo  di Luigi Sturzo –all’epoca giovane sacerdote, neppure trentenne- attorno al problema dell’educazione, più precisamente riguardo la istruzione delle masse popolari; in particolare delle classi lavoratrici : «il popolo nella parte tecnica non  ha l’istruzione professionale dovuta, anzi, col regime attuale degli studi, spesso si dà ai giovani operai l’occasione di divenire degli spostati.»[1]

 

      Ed è significativo, anche, che si tratti del primo scritto di un certo rilievo che Sturzo pubblica: si può dire, quindi, che il pensiero all’educazione e all’istruzione del popolo è presente fin dall’inizio della sua opera.

Ci troviamo in anni particolarmente attivi e fertili per il Sacerdote di Caltagirone: la promulgazione, nel 1891, dell’Enciclica Rerum Novarum [2] aveva rappresentato uno stimolo, formidabile ed ispirato, all’interno del mondo cattolico ( ed una vasta eco anche all’esterno di esso).

 

      Don Luigi Sturzo inizia (meglio: prosegue) la sua attività fra Roma e la natìa Caltagirone. Di quegli stessi anni è pure l’incontro con Romolo Murri (1870-1944)[3] e con la rivista “La Cultura Sociale” fondata e diretta dallo stesso Murri.  Prima ne fu attento lettore, quindi divulgatore nella sua Sicilia e infine attivo collaboratore.

Nel 1901 Sturzo pubblica L’organizzazione di classe e le unioni professionali proprio per la casa editrice dello stesso Murri, ossia la Società Italiana Cattolica di Cultura, dal quale volume abbiamo preso quelle frasi in apertura di capitolo, che palesano l’interesse sturziano per i temi della educazione e della formazione e che tale interesse è presente, perciò, fin dall’inizio nell’opera e nel pensiero sturziano

 




[1]  L. STURZO, L’organizzazione di classe e le unioni professionali, Società Italiana Cattolica di Cultura, 1901 ; ora in  L. STURZO, Sintesi sociali, Zanichelli, Bologna, 1961, p. 150

 

[2]     Il Sommo Pontefice allora regnante, Leone XIII (1810-1903), promulgò il noto Documento il 15 maggio 1891. Sinteticamente, si può dire che esso consti di due parti: una, per cosi dire, pars destruensIL SOCIALISMO, FALSO RIMEDIO”, e la corrispettiva pars costruens “IL VERO RIMEDIO: L’UNIONE DELLE ASSOCIAZIONI”. Giova qui ricordare che il rimedio,che si cercava di individuare, era riferito alla nota “questione sociale”.

 

[3]     Del sacerdote marchigiano “irrequieto” ed alquanto ribelle abbiamo gia parlato : qui,oltre a rinviare al suo maggiore studioso e biografo Lorenzo Bedeschi, Murri, Sturzo, De Gasperi, San Paolo, Cinisello Balsamo (Mi),1994 , ricorderemo che Don Romolo Murri fu impegnato in primo piano nell’ambito sociale e politico.

          Fu il teorico di quella “Democrazia Cristiana” che ispirerà tanti,fra cui lo stesso Sturzo e piu tardi Alcide De Gasperi. Non si può far a meno di ribadire la sua diversità di vedute con la Santa Sede: più volte richiamato all’ordine, Murri disobbedì e prosegui per la sua strada. Inevitabile giunse la scomunica.

          Romolo Murri, è bene dirlo,  si riconciliò con Santa Madre Chiesa solo sul letto di morte. E’ opportuno, in questa sede, ribadire che Don Luigi Sturzo prese subito le distanze dal prete marchigiano, pur continuando a pregare per lui e per il suo ritorno alla Chiesa Cattolica.

 

Quella volta che i fascisti volevano buttare Sturzo nel tevere….

don Sturzo.jpgDon Sturzo era ferocemente odiato da Mussolini in persona:ciò è risaputo
Lui stesso(sturzo)
racconta
-in pagine gustose e SENZA ACCENTI RANCOROSI verso il duce-
di come gli squadristi,
sapendo i suoi orari,le sue abitudini (era pedinato),
avevano deciso di farlo fuori gettandolo nel Tevere.
E ci andarono vicinissimi al riuscirci.
Fortunatamente don Sturzo aveva occhio,e riconosceva chi lo seguiva.
Ad un suo occasionale(e PROVVIDENZIALE!)
accompagnatore
gli sussurrò scherzando(ma non troppo)se sapesse nuotare….

 

Aveva visto i sicari
ed aveva capito le loro intenzioni.
Mi fermo qua,per ora.
Anche perchè non è giusto abusare
della pazienza di chi legge.

Ma volentieri tornerei sull’argomento.
Sono però in debito di una cosa:
avevo promesso che avrei detto chi è che -diffamandolo- afferma che Sturzo fù cacciato dal Vaticano e non dai fascisti.
Ebbene,sono quegli stessi personaggi(anzi:ormai sono i loro figli e nipoti)
CATTOLICI-o sedicenti tali-
che mal tolleravano l’insegnamento e gli ammonimenti ANISTATALISTI(ma non solo questi) che Sturzo faceva loro. I cattocomunisti,di ieri e di oggi,per capirci bene.
E per non dare l’impressione che sparo nel mucchio,
vi dò un nome ed un cognome ed un suo libro:
giovanni bianchi,”l’idea popolare”.

(ma, quest’ultimo è solo un esempio)

cosimo de matteis

CONVEGNO INTERNAZIONALE STURZIANO

E’ ancora prematuro provare a dare una valutazione complessiva

al “CONVEGNO INTERNAZIONALE STURZIANO” delle scorse settimane

svolto fra Catania e la natìa Caltagirone.

Non ci sottrarremo da tale compito che -per noi- è un dovconvegno-sturzo.gifere.

Preannunciamo, quindi, succose disamine sulle singole sessioni.

E, parimenti, dobbiamo rilevare che l’unico criterio di giudizio VALIDO ed INCONTESTABILE rimane quello evangelico: non ci ha forse detto il Maestro che “dai frutti conoscerete l’albero”? Ebbene: con tale metro valuteremo  e i frutti e l’albero. Si, pure l’albero! Non ha forse aggiunto “nè un albero cattivo potrà dare frutti buoni” ? Certo, nella babele di sigle e siglette(un record!!!), sarà arduo individuare l’albero.

Ma con un pò di buona volonta -e se Dio vuole- ce la faremo.

Qualche anticipazione? Bè, la (ennesima) conferma che gli enti “sturziani” continuano a guardarsi in cagnesco fra loro. (Riuscirà Martinez a compiere il “miracolo”?). E poi: Comastri è un santo, e quei pochi che ancora non se ne erano accorti ora avranno aperto gli occhi.

Ed infine: “lo Spirito soffia dove vuole”, in barba agli umani disegni (POLITICI, caro Martinez, altro che la pre-politica che giustamente hai invocato) che -persino durante la tre giorni- che taluni abbozzano pregustando il capolavoro: e se ne venisse fuori uno scarabocchio dei loro umani disegni politici?

PS: io, nel dubbio, continuo a pregare ardentemente acchè l’Onnipotente voglia far sopravvivere il grido accorato di Don Luigi Sturzo alla sua tomba.

cosimo de matteis