Ora “ILeF” comincia ad interessarmi

ilef, italiani liberi e forti, partito ilf, italiani liberi e forti, www.ilef.it, partito popolare sturziano, cosimo de matteis, don luigi sturzo, servo di dio don luigi sturzo, popolarismoNon escludo di essere, ahimè, vittima di leggeri pregiudizi (e tuttavia può anche essere che non era un pregiudizio ma una lucidissima prudenza rispetto a certi aspetti). Del resto sono una misera creatura, fango e saliva, e consapevole d’esserlo.

Pregiudizio o non pregiudizio ORA Ilef mi interessa un po’. Già. Direte: cosa è “ILEF”. Mah, ne ho parlato qualche volta ma non fidatevi di quanto dico io: visitate l’esauriente ed esaustivo Sito Ufficiale – www.ilef.it – e c’è tutto lì.

Spero sarete in tanti a visitare  (ed a leggere) il portale di “Italiani Liberi e Forti”. Da oggi lo visiterò anche io con maggiore entusiasmo di prima. Ed un giorno vi dirò il perché. Anzi: lo capirete voi stessi.


Quagliariello interviene al Senato, Sturzo plaude convinto.

gaetano quagliariello, Pubblichiamo l’intervento integrale a Palazzo Madama del vicepresidente dei senatori Pdl Gaetano Quagliariello durante il dibattito sulla fiducia al governo Monti. Non da oggi conosciamo e stimiamo Quagliariello, ma riteniamo che in queste parole sia chiaramente ed efficacemente espressa la posizione ed il pensiero, autenticamente liberale ed autenticamente popolare, di milioni di italiani. Sturzo è lieto: il suo “grido” sopravvive.


Signor presidente, colleghi senatori, presidente del Consiglio, signori del governo,

non comprenderemmo gli eventi che ci hanno portato qui oggi se non li inquadrassimo nel drammatico contesto di una crisi internazionale, che troppo spesso invece è stata deformata dalla lettura strumentale e provinciale per volgerla contro un governo che ha fatto molto più di quanto in una situazione ordinaria sarebbe stato lecito attendersi, fino a sacrificare al bene comune l’interesse della propria parte.

 

Un governo che nel pieno della tempesta mondiale, col peso di un debito pubblico pesantissimo stratificato nei decenni, ha fatto registrare un tasso di disoccupazione al di sotto della media europea, ha moltiplicato gli sforzi e i risultati nella lotta all’evasione, ha investito nella salvaguardia della pace sociale; un governo che ha varato in poche settimane la più consistente manovra economica della storia repubblicana e ha gettato le basi per raggiungere nel 2013 il risultato storico del pareggio di bilancio.

Ecco, noi non ci aspettiamo che i colleghi che fino a ieri erano all’opposizione riconoscano tutto questo. Ci aspettiamo però una presa di distanza da quelle fallaci profezie che i fatti si sono incaricati di smentire, secondo le quali le dimissioni del presidente Berlusconi sarebbero valse 100, 200, 300 punti di spread. Per rendersi conto di quanto fossero strumentali quelle affermazioni non bisognava essere professori di economia: basta aprire il Televideo e leggere l’andamento dei mercati degli ultimi giorni.

Insomma, se non si valutasse la complessità di ciò che sta accadendo, non si spiegherebbe perché oggi a chiedere la fiducia a una maggioranza diversa da quella uscita dalle urne sia un illustre italiano così consapevole del valore della sovranità popolare da rispondere appena tre anni fa, a chi gli chiedeva se sarebbe stato disponibile a guidare un governo tecnico: “E’ sperabile che non accada mai. Spero che il sistema politico sia in grado di produrre governi politici con una maggioranza e un’opposizione”.

La crisi che stiamo vivendo, signor Presidente, è globale. Essa affonda le sue radici nel divorzio tra economia reale ed economia virtuale che, innescatasi dall’altra parte dell’Atlantico, ha lasciato in eredità bolle speculative e fallimenti di banche che nemmeno gli Stati sovrani avevano gli strumenti e le possibilità di tenere sotto controllo. Era inevitabile che il terremoto attraversasse l’oceano, ma non appena ha raggiunto il Vecchio Continente ha trovato ad attenderlo una situazione che ha fatto della crisi europea qualcosa di più e di più grave di una crisi di rimbalzo: ne ha fatto l’epicentro di una crisi strutturale che sconta la debolezza di una moneta senza garanti e il mancato completamento di un percorso.

Signor presidente, qui siamo tutti europeisti ma proprio per questo siamo tenuti a dirci la verità. La nascita dell’Unione è stata soprattutto un metodo, il metodo di Jean Monnet: fissato di volta in volta un obbiettivo condiviso, gli stati aderenti avrebbero dovuto cedere via via una quota di sovranità, la minore possibile compatibile con il raggiungimento dello scopo prefissato. Questa dinamica, più volte ripetuta, avrebbe dovuto produrre un graduale e costante trasferimento di sovranità dagli Stati-nazione all’Unione europea.

L’ultima e più importante tappa di questo percorso si è posta dopo la caduta del Muro, con l’avvento della moneta unica. Ed è proprio sull’unificazione monetaria che il meccanismo si è inceppato. L’euro è nato, ma ben presto ha iniziato a soffrire per una compagnia troppo numerosa che celava, in realtà, uno stato di solitudine nonché la perdita di identità dell’Europa: una moneta unica priva del sostegno di una banca garante, e   dipendente da diciassette governi nazionali non più disposti, nei fatti, a una lenta, graduale ma costante devoluzione di sovranità.

Non solo. L’andamento della crisi ha riverberato anche un altro carattere strutturale dell’Europa: la dualità fra Nord e Sud che è geografica ma anche geopolitica, economica e per certi versi esistenziale. La crisi finanziaria si è abbattuta dapprima su quelle economie più deboli dove lo Stato di diritto e il concetto stesso di regolamentazione erano più fragili, e dal bacino mediterraneo sta risalendo verso Nord. Non è un caso che sia stata così duramente colpita l’Italia che riflette al suo interno la stessa dualità. E non è un caso che questa stessa crisi stia mettendo a nudo le debolezze di quell’asse franco-tedesco che dopo aver rivendicato per decenni un ruolo di garante ora cerca di scaricare sugli altri i propri problemi.

E’ in questo contesto che il presidente Berlusconi e il PdL hanno maturato la scelta, non imposta da alcun voto di sfiducia, di compiere un atto di responsabilità contribuendo alla nascita del suo governo: un atto sofferto ma convinto. Signor presidente del Consiglio, assai più che dai programmi a dire il vero ancora vaghi, il nostro giudizio sull’operato del governo dipenderà da quanto esso riuscirà a fare giorno dopo giorno di fronte alla crisi. Oggi lei deve sapere che i margini della nostra disponibilità sono ampi. D’altra parte, chi di fronte alla gravità di questa crisi non mostrasse ampi margini si comporterebbe da ideologo e non da politico. Invece, la nostra scelta di far nascere il suo governo, e persino quella di far sì che esso fosse composto da soli tecnici, è scelta tutta quanta politica.

Sappiamo bene che ci troviamo a un bivio. Da questa esperienza il giovane bipolarismo italiano potrà uscire decomposto, oppure la democrazia maggioritaria potrà risultare rinsaldata.

Molto dipenderà dal ruolo che le principali forze politiche decideranno di interpretare; dalla loro capacità di assumersi insieme la responsabilità di scelte dure ma ineluttabili in campo economico, di preservare al contempo una fisiologica dialettica parlamentare sui temi caratterizzanti le rispettive identità, e di portare a termine quelle riforme delle istituzioni e dei regolamenti che riescano ad aggiornare e a rafforzare il nostro bipolarismo.

Anche il nuovo attivismo politico dei cattolici, di cui questo governo è positiva espressione, deve rientrare in questo schema, respingendo le sirene nostalgiche di una riedizione della Dc, magari anche solo riveduta e corretta. Anche perché solo in questo solco, che oserei definire “ratzingeriano”, potrà continuare a svilupparsi la collaborazione fra credenti e non credenti sul comune terreno di principi che sono parte costitutiva della nostra identità nazionale.

Concludo, signor Presidente. Siamo ben consapevoli che lungo questa strada ci sono dei rischi, e per noi il primo è quello di smarrire il rapporto con la Lega. Non ci illudiamo che la differente scelta di oggi possa non avere conseguenze, ma d’altra parte non dimentichiamo il percorso che la Lega ha fatto per integrare la sua forza popolare nelle istituzioni dello Stato-nazione e le riforme alle quali abbiamo lavorato insieme. Nell’ambito dell’ azione parlamentare non intendiamo annullare tre anni e mezzo di collaborazione.

Si apre oggi una fase di incredibile vivacità politica. Paradossalmente, signor presidente del Consiglio, è un governo tecnico a suscitarla. E noi, proprio in nome della politica e della sua nobiltà, sosterremo il suo governo fin quando e fin dove la responsabilità che fin qui abbiamo dimostrato continuerà a consigliarcelo.

 

Roma, 17 Novembre 2011

Ancora su Mantovano, la “lettera dei 62” e le strumentalizzazioni

Anzitutto: prudenza.

Si, perchè in una fase così turbolenta -nel Paese (dove fascisti, dipietristi,finiani,comunisti viola manifestano INSIEME contro il Primo Ministro) e nelle Aule  Parlamentari (dove i “rappresentanti” di queste italiche fazioni usano più o meno gli stessi slogan impregnati d’odio verso il Premier)- ed alla vigilia di un processo molto delicato con imputato il Capo del Governo e, soprattutto, mentre il Paese vive la preoccupante invasione di migliaia di clandestini e le fecali opposizioni ci giocano sopra sperando di far cadere il Governo (come se così si risolvesse d’incanto il problema ma, evidentemente, non è la risoluzione del problema l’obiettivo ma la caduta del “tiranno”)

è  saggio avere tanta prudenza.

Per intenderci: della presunta lettera scritta da 62 parlamentari del PDL non è possibile -al momento- avere una certezza. Per capirci ancora meglio: mentre decine di siti e blog (anche più sgangherati e sconosciuti di questo) pontificano su tale lettera ed i presunti “effetti devastanti” che essa avrà sulla tenuta del Governo -divertitevi un pò: trovate in rete tutti questi politologi parvenue e vi accorgerete che è solo un misero giro di copiaeincollla senza neppure prendersi il fastidio di modificare una virgola, o aggiungere un commentino personale- un giornale della opposizione mette in rete una presunta copia della lettera. E’ in word  -e quindi ognuno la manipola e la distorce come vuole- e porta in calce uno scalcagnato e sgrammaticato elenco dei presunti Parlamentari PDL -anche qui: il formato word consente di aggiungere all’elenco chiunque parlamentare, vero o inventato- firmatari della stessa lettera.

Alfredo Mantovano.jpg

 

Sia chiaro: è molto probabile che tale lettera esista davvero e, per fugare ogni dubbio, aggiungo che chi scrive queste modeste considerazioni ha già espresso la totale solidarietà all’onorevole Alfredo Mantovano all’indomani delle dimissioni ed ha creato -per quel che può valere, cioè n u l l a! – un gruppo su facebook a “supporto” del Sottosegretario agli Interni  (http://www.facebook.com/home.php#!/home.php?sk=group_1213… ). E, in questa sede, rinnovo la solidarietà e vicinanza ad uno dei migliori uomini politici italiani.

Soltanto dico, scoprendo-LO SO!- l’acqua calda, di stare attenti alle strumentalizzazioni. Quelle già in atto -già in parte accennate- e quelle possibili e tuttaltro che inverosimili. E, nel salutarvi e promettendovi che prestissimo tornerò sulla quaestio, rinnovo l’invito a trovare fonti certe e certificate ed usare tanta prudenza.

 

cosimo de matteis

La lotta sociale come legge di progresso

Thumbnail[1].jpg      Il saggio di cui parliamo è, a suo modo, celebre: Lotta di classe, legge di progresso. Il contenuto è chiaramente espresso nel titolo, tuttavia proprio il repentino cambio del titolo –che diventerà La lotta sociale (e non “lotta di classe”)legge di progresso, sottintende la distanza in termini concettuali dalla lotta di classe marxianamente intesa.

      Del resto, lo stesso Don Sturzo aprendo il saggio[1] sente di dover,in qualche modo di chiarire se non di giustificarsi per il tema che intende affrontare: 

      «Mi son prefisso di parlarvi della lotta sociale come legge di progresso. Potrà ad alcuno sembrare strano che un prete e un convinto propugnatore della democrazia cristiana, che ha per insegna l’armonia delle classi, possa svolgere simile tesi;  e già sin dal principio temo che alcuno, anche senz’essere conservatore, in cuor suo reagisca contro un principio così crudelmente affermato, e che per lo meno sa di tendenza socialista».[2]

      Gianfranco Morra chiarisce, a nostro avviso in modo mirabile, la questione del sacerdote cattolico Sturzo che affronta il tema cruciale della lotta sociale  che sembra una questione di esclusiva pertinenza marxista:

      «Dire marxismo è dire lotta di classe. Per il marxismo la lotta di classe è, insieme, una realtà e un compito. Il marxismo si dice socialismo scientifico in quanto considera la lotta di classe come l’unico strumento del progresso storico e vede nella rivoluzione classista del proletariato la possibilità di mettere fine alla lotta di classe. Marx non è tanto lo scopritore della lotta di classe(…)

      Qual è l’atteggiamento di Sturzo di fronte a questa scoperta “scientifica” del marxismo? E’ la distinzione tra la verità storica e il mito messianico. Che vi siano le classi, che vi sia la lotta di classe, è un fatto difficilmente negabile.

 

      La lotta è la legge stessa dell’esistenza, dato che l’uomo vive in un ambiente, naturale e sociale, cosparso di ostacoli da superare. Se Marx si limitasse ad asserire la realtà della lotta e la necessità di servirsi della lotta per un reale progresso sociale, Sturzo sarebbe un marxista.»[3]

 

      Morra prosegue e giunge al punto; la questione del titolo della conferenza-saggio di Sturzo che significativamente muta il proprio titolo:

      «Marxista potrebbe anche sembrare uno dei primi lavori di Sturzo, la conferenza (poi opuscolo) dell’anno 1902, il cui titolo “sovversivo” suonava: Lotta di classe legge di progresso. Titolo piuttosto equivoco, come si accorse Sturzo stesso, il quale, anche dietro il suggerimento di Romolo Murri, modificò il titolo della conferenza, quando la ripubblicò nella raccolta delle Sintesi sociali : La lotta sociale legge di progresso.

 

      Il mutamento del titolo, dunque, non riflette solo una opportunità pratica, ma anche una consapevolezza teorica: che la storia è veramente lotta in ogni suo momento e che nell’epoca industriale è soprattutto lotta di classe; che, tuttavia, il cattolico non può considerarla positivamente, neppure come strumento di liberazione.

       L’utopia marxista della fine della lotta di classe attraverso la radicalizzazione della lotta di classe viene rifiutata da Sturzo».[4]

 

      Probabilmente ci siamo un po’ dilungati, tuttavia -anche correndo il rischio di incorrere in una digressione oltremodo fuori tema- ci pare opportuno chiarire bene il tema della lotta di classe sturzianamente inteso: non fosse altro che per una riabilitazione postuma dalle accuse di “prete rosso” che don Sturzo dovette subire.[5]




[1] Il saggio in questione è il testo di una conferenza letta il 13 giugno 1902 al circolo universitario di Napoli, successivamente la stessa conferenza sara letta al salone dell’Arcivescovado di Milano il 12 maggio 1903 e al circolo universitario di Torino il 19 maggio 1903. Si può evincere come  Don Sturzo portando le sue idee animava il dibattito dell’intera Nazione, presenziando nelle città più importanti, al nord come al sud.

 

[2] Ivi, p.24

 

[3]  G. MORRA, Sturzo profeta della seconda repubblica, Centro Internazionale Studi Luigi Sturzo, Roma, 1999, p.62

 

[4]  Ivi, pp.62-63 [corsivo nostro]

 

[5]  E’ certamente singolare il ventaglio di critiche che Don Sturzo suscitò: senza entrare troppo nello specifico  ricordiamo che parallelamente alle accuse di socialismo (“prete  rosso”, appunto.) molto in voga durante il Ventennio, Sturzo passò poi ad essere considerato come un uomo di destra,conservatore e reazionario. Di quest’ultimo tipo di critica furono  protagonisti soprattutto le correnti democristiane progressiste(Dossetti soprattutto, ma non solo). In entrambi i casi si tratta, secondo noi, di critiche faziose che non colgono l’estremo equilibrio del pensiero politico sturziano

.

La politica come luogo educativo

La politica può essere una sede idonea a trasmettere messaggi educativi. Ciò, naturalmente, a determinate condizioni: è fin troppo evidente – e non sembri banale il ribadirlo – che tali condizioni (l’onestà, la moralità, la tensione all’autentico bene comune) non sussistono nell’odierno quadro politico-amministrativo[1] , salvo sporadiche e lodevoli eccezioni.Quando, però, ci troviamo di fronte a personaggi di indubbia moralità, radicati nella onestà più cristallina e trasparente, allora il discorso cambia.

 

     Luigi Sturzo ha incarnato questa situazione di impegno leale e disinteressato (nel senso di interesse per il bene comune e non per il proprio tornaconto).

     Prima ancora di pensare al grande statista di portata internazionale, si pensi all’intenso operato nel piccolo ambito della  natia Caltagirone. Abbiamo già ampiamente parlato, in altri articoli di questo sito, della vasta attività amministrativa svolta tra il 1905 e il 1920 come pro-sindaco del centro siciliano. Fin da tali prime esperienze locali è possibile individuare l’afflato educativo, ovvero di autentica promozione umana, svolto – ad esempio – nei confronti degli agricoltori calatini .

      Né possiamo dire di essere i primi (men che meno gli unici) a cogliere questa dimensione del pensiero e dell’opera sturziana.          Già nel 1981 l’italo-americano Alfred Di Lascia intitola “La pedagogia della politica” un capitolo del suo denso studio su don Sturzo  in cui viene rivelata la valenza socio-educativa del pensiero sturziano e, con una sorprendente coincidenza rispetto all’idea di Colonna della società educante, così scrive: «il pluralismo democratico di Sturzo richiede che a nessuna istituzione, a nessun agente, a nessuno strumento possa esser permesso di raggiungere un controllo esclusivo (monistico) ; donde la sua vigorosa insistenza su un  insieme sanamente articolato di istituzioni, di funzioni e di poteri separati eppure reciprocamente rapportuali ; né può alcuna istituzione rivendicare una sensibilità totale monopolizzando il processo teleologico -pedagogico»[2].

 

     Quello che vogliamo mettere in particolare evidenza è l’impegno profuso da Sturzo in tale direzione: l’agire politico finalizzato  davvero al bene comune, al miglioramento delle condizioni di vita, ad un autentico sviluppo della persona che non può assolutamente prescindere dalla dimensione soprannaturale.

     Don Sturzo, pertanto, guarda alla coscienza, punta alla coscienza: «L’appello alla coscienza è una costante nel pensiero di Sturzo, e il suo desiderio di realizzare una trasformazione di coscienza, è sovrano.

      Tuttavia, dato che gli storici politici (forse per opzione metodologica) tendono a trascurare o a sottovalutare le complessità della coscienza mentre coloro che hanno scritto su Sturzo e le sue teorie politiche tendono a dare insufficiente attenzione ai presupposti filosofici, siamo ancora una volta, per cosi dire, spinti a sottolineare l’interazione, nel pensiero di Sturzo, dell’esistenza pedagogica (coscienza) e la pressione pratica (politica); dell’aspettativa ideologica (teoretica) e la richiesta tattica (pratica); del valore trascendente (morale -teoretico) e l’atto immanente (pratico-concreto).

      La costanza dell’appello alla coscienza può esser confermata da una accurata lettura degli scritti di Sturzo dopo il suo ritorno in Italia nel 1946, e specialmente durante gli anni ’50 »[3].

   La coscienza, quindi. E non si riferisce (Sturzo, e noi con lui) ad una generica  “coscienza collettiva” come alcuni pure sostengono, bensì alla singola coscienza di ogni persona, la coscienza individuale. Così scrive, in proposito, Giuseppe Catalfamo: «Per Durkheim, com’è noto, la morale, il diritto, la religione, la politica sono una proiezione della “coscienza collettiva”, che è propria di ogni gruppo sociale e, di conseguenza, risolutiva  sé della coscienza individuale.

       E qui sta l’errore. Se è vero, infatti, che ci sono modi di pensare comuni ad una molteplicità di individui che hanno vincoli di razza, nazione, cultura, tradizione, insediamento, è vero anche, e in modo innegabile, che la coscienza individuale persiste indistruttibile, ancorché in determinate circostanze possa non avere  la possibilità di esprimersi in opposizione alla coscienza di gruppo.

      E se esiste ed è incancellabile la coscienza individuale, esistono i rapporti ab nomine ad hominem , come rapporti da coscienza a coscienza, indipendentemente dal fatto di appartenere ad un gruppo»[4].

 




[1] H. A. CAVALLERA, La costruzione del domani. L’educazione politica, Edizione Milella, Lecce, 1984, pp. 155-159.

 

[2] A.DI LASCIA, Filosofia e storia in Luigi Sturzo, Edizioni Cinque Lune-Istituto Luigi Sturzo, Roma, 1981, p.351.

 

[3] Ivi.,p.354

 

[4] G. CATALFAMO, Fondamenti di una pedagogia della speranza , Editrice La Scuola, Brescia, 1986, pp. 101-102

La nascita del partito popolare di Sturzo

L’ingresso dei cattolici nella vita politica italiana significava attenzione pratica della lunga speranza di spiriti nobilissimi, che per un secolo avevano vagheggiato l’unione di patria e di fede.

Egli vedeva (…) l’attuazione di ciò che avevano sospirato gli altissimi spiriti di Alessandro Manzoni e di don Antonio Rosmini»[1].

Il partito che egli aveva in mente doveva portare nella nazione l’apporto politico aperto e dichiarato delle forze cattoliche, perché l’Italia fosse più salda e più forte, in clima di libertà politica e civile.

Non sembri che l’attuazione di questo progetto (la costituzione di un nuovo partito) sia un’operazione complessa e articolata sì, ma tutto sommato una normale vicenda nel quadro politico nazionale. Giustamente Mons. Paolino Stella fa notare quali e quante responsabilità si assumesse, in quella situazione storica, un sacerdote:

«Don Luigi Sturzo affrontò coraggiosamente le difficoltà e prese sulle spalle le gravi responsabilità (…). Di fronte all’oscura situazione politica, economica e sociale dell’Italia [Don Sturzo ed altri suoi fidati amici e collaboratori] si trovarono subito d’accordo sulla necessità di portare ad essa l’ausilio prezioso delle forze popolari Cristiane.

 A don Luigi Sturzo fu dato l’incarico di preparare la piccola costituente e l’appello da lanciare al paese»[2].

 

E’ a tutti noto tale appello “a tutti gli uomini liberi e forti”, indirizzato, per l’occasione, il 18 gennaio 1919 da una stanza dell’albergo  Santa Chiara in Roma, come ancora oggi ricorda una lapide ivi apposta.

 

Nasce così il partito popolare italiano. Non è compito di questo lavoro approfondire il discorso su un così vasto tema[3]. Tuttavia citiamo due brevi ma significativi giudizi dati all’evento. Gramsci:«il costituirsi dei cattolici in partito politico è il fatto più grande della storia italiana del XX secolo»[4], e lo storico Federico Chabod:«l’avvenimento più notevole e tipico della storia italiana»[5].

         Da dire che don Luigi Sturzo non si presentò mai come candidato al Parlamento. Forte e leale avversario di ogni forma di dittatura egli avvertì, prima di molti altri, il grave pericolo del movimento fascista che allora si andava formando.

         Mussolini da parte sua prese ad avversarlo fortemente e pericolosamente. Don Sturzo fu minacciato persino di morte e dovette nascondersi. Era divenuto, ora più che mai, scomodo. Stavano per aprirsi per lui “le porte” del lungo e doloroso esilio.

         Riguardo alla paternità di questa decisione è rimasta, si può dire, un’aura d’incertezza, venata ancora oggi di una certa faziosità. Certo è che, se è vera, l’ipotesi di una volontà precisa del Vaticano di “togliersi di torno” un personaggio scomodo in vista dell’ “abbraccio mortale” col fascismo, è altrettanto vera l’implicita ammissione di non aver visto bene (di aver sbagliato, insomma) su don Luigi Sturzo nel momento stesso in cui essa, la Chiesa, lo riconosce e lo proclama come Servo di Dio – poi Venerabile, Beato, ecc. – insomma lo indica come modello di vita totalmente orientata al Vangelo di Gesù  Cristo.




[1] P. STELLA, op. cit., pp. 98-99.

 

[2] P. STELLA, op. cit., p. 99.

 

[3] Per un adeguata conoscenza della storia del Partito Popolare si possono consultare (anche per le utilissime note biografiche) fra gli altri: G. DE ROSA, Il Partito Popolare Italiano, Laterza, Roma – Bari, 1988; il terzo volume della Storia del movimento cattolico in Italia (Opera diretta da F. MALGERI), Popolarismo e sindacalismo cristiano nella crisi dello stato liberale, Il Poligono Editore, Roma, 1980. (Oltre, naturalmente, ai volumi citati in precedenza e relative note bibliografiche).

 

[4] A. GRAMSCI, I Cattolici Italiani, in “Avanti!”, edizione piemontese, 22 dicembre 1918.

 

[5] Citato da G. CAPUTO, La «laicità» del sacerdote Sturzo. L’enigma popolare, in “Studi Cattolici”, anno XIV, febbraio 1972, n. 132, p. 94.

Celebrazione conclusiva dell’ANNO STURZIANO

Sabato 7 Agosto sarà celebrata la chiusura dell’Anno Sturziano,
indetto dalla

Diocesi di Caltagirone

in occasione del 50° della morte del Servo di Dio don Luigi Sturzo,

illustre membro della Chiesa e del territorio Calatino.
 
Sarà presente  per questo evento il
Prefetto della Congregazione delle cause dei Santi,
S. E. Mons. Angelo Amato, che presiederà la Concelebrazione Eucaristica.

 
Programma:
 
19,00   –Chiesa Santissimo Salvatore:
 
– Processione liturgica dal Mausoleo del Servo di Dio verso la Cattedrale
 
– Saluto del Sindaco della Città, 
Prof. FrancescoPignataro
 
– Saluto del Vescovo diocesano, 
S. E. Mons. Calogero Peri
 
– Solenne Concelebrazione Eucaristica
p
resieduta da S. E. Mons. Angelo Amato

Prefetto Congregazione per le Cause dei Santi.
 
 
21,00     – Cattedrale: Concerto “Magie Barocche
a cura dell’
Orchestra della Pietà dei Turchini

 

13345_1130605232458_1447067959_30310494_2463928_s[1].jpg