Anniversario della morte di Sturzo: c’è qualcosa di nuovo? Forse.

TOMBA DI DON LUIGI STURZOCinquantatre anni fa moriva santamente don Luigi Sturzo. Non possiam far altro che pregarlo (si: pregarlo. Perchè è in Cielo ed egli può intercedere) e diffondere il “suo grido” come lasciò detto poco prima di spirare, quasi novantenne, sazio di giorni (ma anche di sofferenze: le ultime gliele procurarono molti uomini della traviata diccì). Una volta una persona mi “bacchettò” dicendomi piu o meno questo: tu ripeti sempre che sopravviva il grido di sturzo, il mio grido….ma il grido non era il SUO grido, lui si riferiva al Vangelo”.

Ora, io non amo polemizzare -e non lo farò neppure ora- tuttavia io credo, convintamente, che Sturzo si riferisse proprio al suo grido. Che poi il suo “grido” fosse assolutamente evangelico e -soprattutto- in linea col Magistero della Chiesa è una cosa fin troppo scontata, ovvia. E che lui stesso disse: “devo tutto al Vangelo ed alla Rerum Novarum” ripetè piu volte il santo Sacerdote siciliano.

Anniversario del Dies Natalis, dunque. E 12 mesi fà scrivevamo questo: http://partitopopolaresturziano.myblog.it/archive/2011/08/07/il-servo-di-dio-don-luigi-sturzo-1871-1959.html

Cosa è accaduto in quest’anno? Ma, qualcosina è sorta. Ma davvero è prematuro poter dire “è quello che voleva Sturzo”. Ed è parimenti arduo dire “sono sicuro, al cento per cento, che Sturzo approverebbe quel che stiam facendo“. Cosa fare, dunque? Nulla, null’altro che quanto detto all’inizio. E cioè pregare. Pregare e sperare. E poi si vedrà. Pure il cdu buttiglioniano naccque sotto i migliori auspici e pure l’esperienza dei Popolari Liberali – di Carlo Govanardi- parve a noi sturziani l’optimum e l’ideale. Poi, in entrambi i casi, emersero le miserie umane e presero il sopravvento sulle pur buone intenzioni (ottime, addirittura, quelle di Giovanardi) e si infilò il peggio del peggio: ex diccì, in primis. Ma pure craxiani, strani liberali (piu giusto definirli libertari) e ragazzini et femmine ambiziose.

Ecco: questo speriamo non si ripeta.

E ricordiamoci sempre che Cristo ci ha detto, bello chiaro, “senza di me non potete fare niente”

Nota D O T T R I N A L E circa alcune questioni riguardanti l’impegno e il comportamento dei CATTOLICI nella vita politica

Ritengo che il Servo di Dio Don Luigi Sturzo avrebbe approvato e “benedetto” un intervento così chiaro della Santa Sede: principalmente per la sua esemplare OBBEDIENZA che caratterizza tutta la sua vita sacerdotale ED IL SUO IMPEGNO IN POLITICA. La “Nota Dottrinale” della Congregazione per la Dottrina della Fede è del 2002 (precisamente del 24 novembre del 2002, Solennità  di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo, e come spiega Mons. Rino Fisichella questo fatto non è assolutamente casuale) ma io -un pò polemicamente, lo ammetto- mi chiedo quanti PARROCI , ad oltre otto anni dalla pubblicazione di questo importantissimo Documento, lo hanno letto? Non dico presentato ai fedeli in un apposito incontro (cosa che sarebbe pur opportuna in una situazione di confusione dilagante anche fra i battezzati), ma almeno LETTO!

Con questo interrogativo (che non è solo una mera provocazione)trascrivo alcune righe della Presentazione di Mons.Rino Fisichella:

E’ necessaria una breve premessa per presentare con coerenza la Nota della Congregazione per la Dottrina della Fede. E’ importante, anzitutto, valutare l’aggettivazione [“DOTTRINALE”] che viene data: inoltre, bisogna considerare la data della sua pubblicazione.(…) Essa [la Nota ] non tratta di questioni che sono sottoposte alla libera discussione dei credenti, come se si trattasse di una quaestio disputata, ma si esprime su tematiche che appartengono alla fede e che il Magistero della Chiesa intende proporre con autorevolezza.

Ciò comporta, da parte del credente, un carattere vincolante