2012: le ideologie (r)esistono

La morte del parlamentare Mirko Tremaglia, già missino e ancora prima della “Repubblica di Salò” (epilogo tragicomico della dittatura liberticida dell’uomo di predappio)  mi offrirebbe un comodissimo assist per parlare del fascismo. Ma non lo faccio. Almeno per ora. Sarebbe anche un modo per disquisire attorno alle ideologie illiberali e menzognere che sono tuttaltro che morte: esse sono vive e vegete. Spesso persino “mixate” fra loro (si pensi al c.d. “movimento ultras” che coniuga odio allo Stato, violenza squadrista ed avversione alla Legge in nome di una non meglio precisata anomia anarchica) sussistono: certo, probabilmente esse sono meno capillari e meno letali rispetto a quel relativismo sulfureo che sta devastando l’umanità. Tuttavia le ideologie persistono, anche nel 2012. E non solo in corea del nord o in cina: anche nell’occidente scristianizzato da una apostasia anch’essa (male)odorante di zolfo. Ma, come dicevo, non ne parlerò. Almeno ora. Vorrei però dire della mia chiara posizione rispetto a questi mostri che la ragione (slegata da tutto) ha generato. Lo dico perché mi è successo, in passato, di esser scambiato e persino etichettato come aderente a qualche ideologia. Ma si trattava di giudizi errati o, più spesso, di pregiudizi. I pregiudizi, come è noto, sono l’amaro “frutto” della ignoranza spesso contagiata da cattiveria ed infettata pure dalle stesse ideologie. Ed è così che, talora, son stato bollato come “fascista” ma mi è successo anche di peggio. Ebbene: io non solo non ho la minima simpatia per il regime mussoliniano ma non uso ipocriti “distinguo” –di cui poi parlerò- e dico: io sono un antifascista, convinto antifascista. E perché parlo delle ipocrite ambiguità linguistiche? Perché l’occidente c.d. “post-ideologico” –e la mia città ne fa parte- brulica di comunisti e di altre minoranze ideologiche non meno empie. E poiché costoro (spesso travestiti di ecologismo pacifista o di giustizialismo giacobino) sono falsi e menzogneri occorre pur che qualcuno, persino uno stupidotto come me, li “smascheri”. Essi sono ancora imbevuti di quelle fecali ideologie omicide, di là dal fatto se lo sappiano o lo siano in un modo subdolo. Di certo essi, anche dopo litri di alcol (anzi: soprattutto dopo litri di alcol) non diranno mai “io sono anticomunista” oppure “Stalin era un pericoloso assassino”. Fate la prova.Buon anno a tutti.

MIRACOLO a Tempera, in Abruzzo

miracolo,statua,terremoto,statua madonna sant'anna,tempera,paesino distrutto,evento prodigioso,statua miracolosamente illesa,trovata nelle macerie statua intatta,dio,il cielo ci parla,cosimo de matteisOgnuno di noi ricorda bene il forte terremoto che colpì la nostra Nazione, in particolare l’Abruzzo e la Città  di L’Aquila. Ci furono, purtroppo, molti morti, feriti e sfollati, in particolare nella Città Capoluogo. Se ricordate si parlò di alcuni minuscoli paesini interamente rasi al suolo. Quello più “famoso” è Onna, ma ve ne sono altri. Anche Tempera venne praticamente rasa al suolo dal sisma e, assieme alle case, non venne risparmiata dalla violenza delle scosse neppure la antica chiesa del paese. Ebbene, proprio a Tempera è avvenuto un fatto decisamente prodigioso. Durante gli interminabili lavori di ricostruzione, dall’enorme massa di macerie degli edifici completamente distrutti è stata estratta miracolosamente intatta ed illesa la Statua raffigurante Sant’Anna e la Vergine Maria. Ed è precisamente quella che vedete a corredo di questo articolo. Ognuno pensi quello che vuole. Anzi, sono certo che qualche inteliggentone penserà -e magari lo scrive nei commenti!- che non è per niente un miracolo ma un caso fortuito. E poi magari qualche altro genio dirà che “macchè miracolo….se Dio veramente esistesse non permetterebbe certe cose”. Ed il nostro Creatore deve sorbirsi pure queste frasi blasfeme e sacrileghe. Ad ogni modo, un fatto è certo: la Statua è intatta mentre il resto è tutto distrutto. Il Cielo ci “parla” anche in questi modi.

 

cosimo de matteis

Un GRAZIE a tutti i lettori (e una nota su sai baba)

Nel ringraziare i numerosi e fedeli lettori e visitatori di questo sito/blog dedicato al Servo di Dio don Luigi Sturzo vorrei comunicare che presto mi attiverò per rendere più aggiornato, piu ricco e più illustrato questo spazio. Mi permetto pure di chiedervi un qualche riscontro: un commento (basta cliccare, in fondo ad ogni articolo c’è la voce “COMMENTI”, e scrivere qualcosa) per me sarebbe importante. Una critica lo sarebbe ancor di più perchè mi permetterebbe di correggere i numerosi sbagli che sicuramente compio. Ad ogni modo: attendo fiducioso e rinnovo il mio GRAZIE. Vorrei, nella giornata odierna, proporvi un articolo di attualità che è apparso oggi sul quotidiano on-line “La Bussola Quotidiana” diretto da Andrea Tornielli. Si parla del discusso (e discutibile) “santone” e “mago” indiano che è morto nei giorni scorsi (aveva “previsto” la sua morte fra una decina d’anni, ma questo è davvero solo un dettaglio rispetto alla enormità delle storture) e che domani, mercoledì 27 aprile, avrà le sue esequie. Il bravo Marco Invernizzi esprime puntuali riflessioni e perplessità sul guru, e soprattutto coglie il pericoloso senso -di là del clamore mediatico e le letture superficiali- del “successo” di sai baba e, in genere, della religiosità orientale che, purtroppo, affascina tante creature anche in occidente (nell’articolo è citato en passant don Primo Mazzolari che, per una curiosa coincidenza, nei giorni scorsi ha avuto una citazione -da parte di un carneade semisconosciuto quanto pericoloso- durante la discussa trasmissione della Rai Tv che ha “usato” le preziose parole del Vicario di Cristo alla stregua delle opinioni di un almirante qualsiasi). Questo l’articolo:

 

Sai Baba è morto, l’illusione continua

di Massimo Introvigne
26-04-2011

 

La morte di Sathya Sai Baba, forse il più popolare guru indiano della seconda metà del secolo XX, induce a qualche riflessione sul successo che ha avuto in Occidente e in particolare in Italia, dove ha trovato seguaci fra ex-sessantottini affascinati dall’Oriente, professionisti – fra cui diversi medici, che hanno scelto di andare a lavorare nell’ospedale da lui fondato in India – e perfino un sacerdote lombardo, don Mario Mazzoleni (1945-2001), che la scelta senza riserve per Sai Baba ha condotto fino al dramma della scomunica. Ma chi era Sai Baba?

Satyanaryan Raji (1926-2011) nasce nel 1926 a Puttaparthi nell’Andra Pradesh (India del Sud). A quattordici anni entra in uno stato di esaltazione al termine del quale, il 23 maggio 1940, annuncia «Sono Sai Baba», assumendo lo stesso nome di un santo asceta, Sai Baba di Shirdi (1856-1918), molto popolare in India. Da allora comincia a raccogliere seguaci in un piccolo ashram, che oggi con il nome di Prashanti Nilayam è diventato un intero sobborgo di Puttaparthi.

Sathya Sai Baba – come è normalmente chiamato in India proprio per distinguerlo da Sai Baba di Shirdi – invita a tornare alle scritture tradizionali dell’India e a sperimentare Dio come stato di coscienza superiore, che è già dentro di noi e che può essere raggiunto non tanto attraverso la conoscenza, ma per mezzo di un’esperienza diretta che non è disgiunta dal compimento del proprio dovere e dal servizio reso agli altri. Dio, pertanto, per Sai Baba non è un’entità esterna separata dall’uomo, ma uno stato di consapevolezza che ciascuno di  noi può raggiungere.

I fedeli considerano Sathya Sai Baba un avatar – cioè un’incarnazione divina – integrale (purnavatar), come Krishna; secondo loro, la storia è stata anche percorsa da «amshavatara», avatar «parziali», tra cui Gesù Cristo, Sri Ramakrishna (1836-1886) e Sri Aurobindo (1872-1950), ma solo il loro maestro è stata un’incarnazione totale e perfetta. Contrariamente ad altri maestri indiani – che considerano i miracoli come appartenenti a una sfera inferiore – Sathya Sai Baba ha affidato la prova del suo carattere di avatar ai segni straordinari o «siddhi». Ha così offerto ai seguaci ogni sorta di «miracoli», sia nel regno psichico (chiaroveggenza, profezie, apparizioni a migliaia di chilometri di distanza), sia nel regno fisico. Dalle mani del maestro usciva ogni giorno una cenere sacra (vibhuti) cui erano attribuite proprietà miracolose. Il maestro era inoltre ritenuto capace di fare apparire oggetti di ogni genere: statuette devozionali, anelli d’oro, il linga simbolo di Shiva, e perfino monete d’oro che recavano, come data del conio, l’anno di nascita del devoto per cui erano state «prodotte».

Questi fenomeni hanno portato molti specialisti occidentali a liquidare Sathya Sai Baba come espressione di un sincretismo superstizioso estraneo al «vero» induismo. Ma questo giudizio si scontra con il fatto che Sathya Sai Baba ha decine di migliaia di seguaci in India, pacificamente considerati devoti indù. L’induismo non ha una Chiesa o autorità che possano decidere chi è indù e chi non lo è. La più grande organizzazione indù, la Vishwa Hindu Parishad, espressione di un nazionalismo spesso intollerante verso le altre religioni che controlla il secondo partito politico indiano, ha sempre esaltato Sathya Sai Baba come un modello d’induismo, difendendolo dalle accuse di pedofilia che ne hanno turbato gli ultimi anni di vita, anche perché il guru di Puttaparthi ne ha sempre sostenuto i progetti politici. Uno dei più vicini collaboratori e oggi dei candidati alla successione di Sai Baba, il novantenne Prafullachandra Natwarlal Bhagwati, è stato presidente della Corte Suprema indiana, il più alto magistrato dell’immenso Paese asiatico. L’induismo non è il sistema «puro» insegnato in qualche università occidentale ma un complesso coacervo di miti, riti e devozioni popolari dove oggi sono entrati anche, come componenti essenziali per decidere almeno in India chi ne fa parte, il nazionalismo e la politica.

Sathya Sai Baba ha avuto successo anche in Occidente, come si è accennato, soprattutto in Italia. Una lettura di questo successo non può che fare riferimento alla grande crisi culturale degli anni 1960, che ha avuto il suo momento emblematico nel 1968. Il Sessantotto non ha eliminato – né sarebbe stato possibile – le domande di senso e di sacro che vivono nel cuore di ogni uomo, ma ha gettato un lungo sospetto sull’Occidente e sul cristianesimo. Ne è nato un pregiudizio favorevole nei confronti di tutto quanto è orientale e di tutto quello  che si presenta come eterodosso rispetto al cristianesimo. Dai contestatori delle università a musicisti come i Beatles molti hanno preso la strada dell’India. Il fatto che molti italiani abbiano scelto Sai Baba si spiega con un gusto del miracoloso che non è estraneo alla nostra tradizione nazionale e che forse non sarebbe stato soddisfatto da forme d’induismo più «colte» e filosofiche.

Tuttavia, se si supera il clamore intorno ai «miracoli» e si cerca di capire in che cosa consiste l’insegnamento di Sathya Sai Baba, si scopre che il suo centro è la ricerca di Dio o del Divino non come Persona, al di fuori di noi, ma come stato della nostra coscienza. Si tratta dunque, come spesso accade in Oriente, di una «enstasi», qualche cosa che lo storico delle religioni Mircea Eliade (1907-1986) distingue rigorosamente dall’estasi. Nell’«enstasi» si entra sempre di più in se stessi e ci si chiude a ogni possibile trascendenza, mentre nell’estasi ci si apre al di fuori di sé verso un Dio trascendente. L’illusione, chiudendosi in se stessi, è quella di attingere così l’Essere, mentre al massimo – come ha notato un ex induista della generazione del 1968 belga, poi convertito e oggi sacerdote cattolico, padre Joseph-Marie Verlinde –  si arriva al «Sé inteso come atto primo dell’esistenza che è soltanto e sempre l’atto di un essere creato e non dell’Essere divino increato». Il rischio, alla fine, è quello di un «narcisismo senza Narciso», secondo la formula del missionario e indologo francese Jules Monchanin (1895-1957). Chi s’illudeva, magari grazie a Sai Baba, di sfuggire alla prigione della soggettività, percepita come tipicamente occidentale, finisce per ritrovarsi rinchiuso a doppia mandata in quella stessa prigione. Sathya Sai Baba è morto, ma l’illusione continua.

zolfo.jpg

 

 http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-sai-baba–mortolillusione-continua-1677.htm

La legge sul Testamento biologico rischia di introdurre l’eutanasia

ELUANA, primo piano.jpgNel secondo anniversario della morte di Eluana -tanti hanno parlato di “uccisione” e noi siamo assolutamente daccordo sull’uso di quel termine- proponiamo un interessante articolo di Benedetta Frigerio apparso sul numero del 29 gennaio del Settimanale Tempi. Nell’introdurre l’articolo viene posta la seguente introduzione: “La legge è in calendario alla Camera a inizio febbraio. E’ già stata approvata dal Senato. La legge si allarga fino a comprendere non solo i malati in stato di coma ma anche quelli terminali (ricordiamo che Eluana Englaro non era una malata terminale). Il fiduciario, poi, ha un ruolo sproporzionato che può portare se non all’eutanasia attiva, sicuramente a quella per omissione di cure” . Ricordiamo, con affetto e preghiera, Eluana.

Ecco il testo dell’articolo:

In un film del 1965, La decima vittima, il protagonista, un giovanissimo Marcello Mastroianni, è costretto a tenere nascosti i suoi genitori. Questo perché nella pellicola fantascientifica gli anziani vanno consegnati ai “centri raccolta per vecchi” gestiti dallo Stato. La storia, tra l’ironico e il grottesco, prospettava un futuro così. La donna che cerca di rapire i genitori davanti all’opposizione del protagonista gli chiede: «Ma che se ne fa dei suoi genitori? Perché non li consegna allo Stato?». Lui risponde che «in Italia li teniamo ancora nascosti». Lei si stupisce, trovando «incredibile un senso filiale tanto vivo». E chiede stranita all’attore se «ama davvero tanto i suoi genitori?».

Il film non sarà così lontano dalla realtà, se la legge in calendario alla Camera a inizio febbraio, e già approvata dal Senato sul Testamento biologico, dovesse passare. Inoltre, se già il vecchio ddl passato al Senato era poco realistico, nonostante la buona fede, ora con i nuovi emendamenti approvati la norma si fa grave. Innanzitutto, si è allargata la legge dai malati in stato di coma a tutti quelli terminali. Il fiduciario, poi, ha un ruolo sproporzionato che può portare se non all’eutanasia attiva, sicuramente a quella per omissione di cure.

Vediamo gli articoli più controversi. Innanzittutto, l’articolo 5 ai commi 6 e 7
prevede che «il tutore possa decidere per l’interdetto, il curatore per l’inabilitato, l’amministratore di sostegno per l’assistito, i genitori per i figli minori». Ciò significa che quello che è capitato ad Eluana potrà capitare a molti altri. Per i medici infatti è «vietato somministrare terapie» in mancanza di consenso, tanto che se manca si dovranno riferire ai giudici. I rappresentanti possono rifiutare anche terapie salvavita: l’articolo 2,3 dice che questi soggetti possono «rinunciare ad ogni o alcune forme di trattamento sanitario in quanto da essi (i tutori, ndr) ritenute di carattere straordinario».

Con i due articoli si potranno includere nella legge
anche neonati, prematuri e persone incapaci di esprimersi, affidate a tutori che potranno disporre di loro a proprio piacimento. L’articolo 1,1 vieta invece al medico «trattamenti sanitari non proporzionati, non efficaci o non tecnicamente adeguati». Sarebbe un giusto divieto d’accanimento se la legge riguardasse solo casi di morte imminente.

Ma il ddl si rivolge anche ai malati di tumore o a tutti i pazienti
la cui vita probabilmente si spegnerà nel giro di qualche mese, giorno o anno. Più avanti, poi, si parla genericamente del divieto a «trattamenti sproporzionati rispetto agli obbiettivi». Che significa? Questa norma potrebbe aprire parecchi contenziosi. Ad esempio, un genitore come Beppino Englaro, che giudicasse sproporzionate certe cure, potrebbe denunciare i medici e anche gli ospedali, per «obiettivi» di spesa.

Il testo parla poi di una «compiuta e puntuale informazione medico-clinica».
Ma come è possibile stabilirla prima di ammalarsi? E chi garantirà che chi firma abbia il senno sufficiente per farlo? Chi tutelerà, poi, i soggetti soli? Inoltre l’articolo 7,2 dice che «in caso di controversia tra il fiduciario ed il medico curante, la questione viene sottoposta alla valutazione di un collegio di medici… Tale collegio dovrà sentire il medico curante. Il parere espresso dal collegio medico è vincolante per il medico curante il quale non è comunque tenuto a porre in essere prestazioni contrarie alle sue convinzioni di carattere scientifico e deontologico». Questo nuovo comma fa sì che se anche la proposta di legge vieta di cagionare la morte al paziente, il medico potrà arrecarla attraverso l’omissione.

Allargando inoltre la normativa ai malati di cancro o a chi è incosciente si è dovuto aggiungere che alimentazione e idratazione sono obbligatorie, ma «a eccezione del caso in cui le medesime risultino non più efficaci nel fornire al paziente i fattori nutrizionali necessari alle funzioni fisiologiche essenziali del corpo». Si capisce quanto il giudizio in merito sia opinabile e come possa far comodo agli sponsor dell’eutanasia, e ai loro tribunali, che potrebbero interpretare la norma a proprio piacimento.

Perciò, facciamo nostre le parole di Medicina & Persona e di moltissime altre associazioni di medici che si stanno scagliando contro la norma: «Regolamentare la vita e la morte “patteggiandole” significa averne già accettata la relativizzazione… Certo fa specie che sia un Parlamento a dover dissertare di temi che esulano totalmente dalla sua competenza, come quando si discute di quale assistenza sia dovuta a un uomo malato, alla fine della sua vita. Chi cura e assiste i malati sa bene che solo la condizione clinica di ciascun paziente può determinare la scelta del medico che lo assiste. Dopo l’approvazione della norma di legge l’agire del medico sarà inevitabilmente condizionato da essa, da un foglio di carta o dal parere di “fiduciari”, presi a sicuri interpreti della volontà del malato. Il testo di legge attuale è inevitabilmente a rischio di legittimazione dell’abbandono terapeutico (cioè di eutanasia passiva) nei punti in cui prevede la loro sospensione in caso di assistenza a un “malato terminale”(oggi non c’è in letteratura una definizione univoca su chi è malato terminale, Eluana non lo era eppure è stata diagnosticata tale) e nei casi in cui il medico dissente dalle volontà anticipate del paziente, venendo così sostituito da una commissione di “esperti”. Accadrebbe per legge quello che si è verificato nei giorni scorsi a Firenze (Biotestamento, sì del Tribunale – Il Corriere della Sera 13/01/2011)…».

L’articolo di Benedetta Frigerio è possibile leggerlo sul Sito di Tempi al seguente link:

http://www.tempi.it/la-legge-sul-testamento-biologico-rischia-di-introdurre-leutanasia

una proposta

Gentili amici che seguite questo sito/blog,

come forse saprete c’è, su facebook, una “pagina” dedicata a Don Luigi Sturzo

(questo il link : http://www.facebook.com/pages/DON-LUIGI-STURZO/162430941148?ref=mf , ma potete accedere anche cliccando sull widge in alto a destra).

Ebbene, nel farvi partecipe della notevole crescita di fan (oltre ottocento in poche settimane, molti dei quali caltagironesi ma anche stranieri!)volevo riproporvi pari pari un intervento -comparso in bacheca: tutti possono liberamente scrivere- ed i commenti che son seguiti.

Tutto parte dalla seguente proposta postata dal dottor Biagio Pace (calatino ma fiorentino d’adozione, se ho compreso bene):

perchè non progettare di rimontare la stanza del Municipio che Don Sturzo occupò da Prosindaco? La sala è lì ed i mobili sono nella sala dei messi. Si aggiunga qualche foto, un busto, alcuni documenti autografi ed il gioco è fatto! Sarebbe un omaggio dovuto ed un’attrazione in più che certamente non guasterebbe…”

ed io così ho risposto: “Ciò rientra
-essenzialmente-
nelle eventuali volontà degli attuali amministratori Calatini.
Sturzo lo merita senzaltro.
Ma, credo, che se potesse “scegliere”..

fra il creare l’ennesimo museo
(attrazione???)
e far si che i suoi concittadini
-invece di riesumare la defunta e maleodorante diccì-
si muovessero in direzione di un AUTENTICO
popolareismo liberale

io credo che Lui vorrebbe quest’ultima cosa.”

Il dottor Pace, garbatamente e per nulla seccato dal mio tono un pò forte, replicava:

“concordo. Sturzo, però, è stato amministratore di questa città ed in quel ruolo ha profuso le sue energie testando sul campo le sue intuizioni. Credo che non si tratterebbe dell’ennesimo museo ma di un omaggio doveroso al Nostro”

Mentre io provaro a rimediare alla mia impetuosa risposta (“Gentile Biagio,
ammetto di esser stato “duretto” nella mia umile risposta.
E tuttavia, ribadisco: certo che lo merita.
E anzi: spero di tornar presto a Caltagirone in tal senso”) interveniva anche il gentilissimo Salvatore Cardello-calatino anch’esso-

“Credo che sia il minmo da fare,almeno per scontare in parte il torto fatto a don Luigi nel 1996 quando, con spirito di parte e di partito, si assegnava il prestigioso Premio Stuzo ad Antonio Bassolino. Caltagirone non dimentica le minchiate fatte nel pasato!”

Di fronte a cotanta stima -MERITATISSIMA- verso il Servo di Dio non trovo altro che rilanciare su questo sito la proposta. Certo sarebbe una utile iniziativa e l’ennesima dimostrazione di gratitudine dei calatini verso il loro illustre concittadino. A tal proposito vorrei rimarcare la massiccia partecipazione di caltagironesi alla citata “pagina” di facebook

Noi siamo sturziani, non democristiani.

trinacria 068.jpgIl chiarimento è necessario: Sturzo ha duramente ammonito la diccì con tutte le sue forze(ricevendo da costoro indifferenza o peggio). Ed erano critiche giuste, sacrosante. Nessuno si appropri indebitamente di Sturzo, tantomeno chi dice di rifarsi alla DC

cosimo de matteis

http://www.facebook.com/home.php#/pages/DON-LUIGI-STURZO/162430941148