ATTENTATO DI BRINDISI – Solidarietà piena a Monsignor Talucci ingiustamente fischiato durante la manifestazione

ARCIVESCOVO.gifSe l’incredibile gesto di criminali, vili e vigliacchi, è certamente da condannare senza se e senza ma, del pari occorre stigmatizzare quanto è accaduto oggi in Piazza Vittoria.

Mi riferisco alle contestazioni (eufemismo) contro Monsignor Rocco Talucci, Vescovo di questa città ferita dalla violenza.

E pertanto  non ho capito la aggressione verbale, anche virulenta

(ma già i fischi non sono una bella cosa considerando perchè si “manifestava”):

si va in piazza “contro” la violenza

-appena perpetrata crudelmente-

e poi si “aggredisce” senza tolleranza alcuna altri uomini?

(mi riferisco non solo al Vescovo ma anche al Ministro Profumo ed all’Onorevole Buttiglione)

 

Non è un buon segno.

 ***

video tratto da www.corriere.it

Come è evidente non vi è NESSUNA giustificazione per la grave intolleranza subita dal Vescovo di Brindisi.

 

 

 

Per ulteriori commenti e notizie CLICCARE sul link verde qui sotto:

 

http://cronachebrindisine.myblog.it/

 

ATTENTATO DI BRINDISI – I giovani di PDL, PD e UDC -u n i t i – condannano il vile attentato

IPSS MORVILLO FALCONE.jpgE’ altamente significativo (e positivo) che le Organizzazioni giovanili di tutte le parti politiche (destra, centro, sinistra) emanino un Comunicato congiunto: ciò significa che al di là delle differenti posizioni –che talora possono generare polemiche o schermaglie- i giovani che si occupano di politica più da vicino avvertono la esigenza di fare fronte comune: contro la illegalità e la criminalità e si uniscano nella condanna del vile gesto di stamane a Brindisi che è costato la vita alla sedicenne studentessa Melissa Bassi ed il ferimento di altre sei sue coetanee.

Ecco dunque il Comunicato sottoscritto dai Responsabili delle Organizzazioni giovanili pugliesi del PDL, del PD e dell’UDC:


Il vile attentato che questa mattina ha scosso gli animi dell’intera nazione resterà non solo nella storia del nostro Paese per l’eccezionale livello di viltà e scelleratezza, ma rimarrà anche come un segno indelebile nell’animo di noi tutti giovani pugliesi, colpiti nel cuore e nell’orgoglio dalla vigliaccheria del gesto di alcuni indegni esseri che hanno deciso questa mattina di spezzare una giovane vita e di condizionarne probabilmente per sempre molte altre.

Chiediamo che lo Stato e le istituzioni reagiscano subito nei confronti di coloro i quali saranno individuati come i responsabili dell’attentato che si è consumato questa mattina davanti all’Istituto “Morvillo – Falcone” di Brindisi e pretendiamo che questi vengano assicurati alla giustizia al più presto.

Moltiplicheremo da oggi i nostri sforzi affinché sia chiaro che il nostro impegno civico contro le mafie e contro il terrorismo non verrà meno dopo questo vile atto omicida. Non esiteremo a partecipare ad ogni manifestazione di solidarietà e di vicinanza nei confronti dell’intera popolazione di Brindisi, alla quale esprimiamo ogni forma di partecipazione al gravissimo lutto che ha subito questa mattina, partendo dalla Manifestazione che questo pomeriggio si terrà a Brindisi in Piazza Vittoria alla presenza delle istituzioni e di Don Luigi Ciotti. Così come esprimiamo vicinanza nei confronti della famiglia della giovanissima Melissa Bassi, nella speranza che la sua vita negata possa risvegliare le coscienze dei nostri coetanei per consegnare alla nostra amata Puglia un futuro migliore.  

Riccardo Memeo – Coordinatore regionale Giovane Italia

Pierpaolo Treglia – Segretario regionale Giovani Democratici

Michele Cornacchia – Coordinatore regionale Giovani UDC

POVERO STURZO!

Sturzo bacchettava (e giustamente) persino De Gasperi
figuriamoci se sarebbe tenero
con certi nostalgici democristiani
(della peggiore specie)
sostanzialmente mosche cocchiere
dell’adultero casino.

Povero Sturzo: lui chiedeva che il SUO grido sopravvivesse alla sua tomba non i chiacchiericci altrui.

50356_81822238539_8808_n.jpg

Cosimo De Matteis, Fondatore del Partito Popolare Sturziano

accanto alla Tomba del Servo di Dio DON LUIGI STURZO



BRINDISI – “E’ subito lite sulle poltrone”

quotidiano 10 maggio 12.jpgNon è che occorreva essere maghi o politologi di fama per prevedere quello che sta avvenendo. Umanamente confessiamo che non vorremmo essere nei panni del neosindaco. Che ci sia una “lite sulle poltrone”, inoltre, non lo diciamo noi ma così titola un quotidiano locale in prima pagina (parentesi: altre testate fanno finta di niente e si trastullano fra gossip e pallone). E’ la ovvia, scontata, naturale conseguenza di quando si sceglie di mettere su una coalizione vasta ma soprattutto eterogenea: ricorda molto da vicino il governo Prodi che fece perdere due anni preziosi al Paese prima di cadere miseramente senza aver concluso nulla di buono per l’Italia (però provarono ad inserire i PACS: eh si, quella è una priorità assoluta!). Quel governo fra le altre cose battè il record come numero complessivo di componenti: oltre ai ministri del gabinetto prodiano vi era una sfilza di vice ministri e sottosegretari tali da raggiungere, mi pare, il centinaio di unità. Un governo di cento persone! Roba da non crederci, ed invece è successo veramente. Mutatis mutandi nel nostro microcosmo potrebbe avvenire qualcosa di simile: e meno male che è stato fissato un tetto agli assessorato sennò potevano attenderci una giunta piu numerosa di una squadra di calcio con panchina inclusa. Mah, noi potrà sembrare che siam qui a giocare allo sfascio: ed invece no, siamo seriamente preoccupati per la nostra città che, ricordiamo, per precisa volontà del popolo sovrano aveva intrapreso una precisa strada, nitida, pulita, seria e che ci avrebbe portato ad essere davvero una bella città. Ed invece no: tutto quel patrimonio è stato non dico dilapidato ma messo da parte, ignorato, trascurato. Tutta la progettualità della precedente amministrazione accantonata. Per fare qualcosa di meglio? Magari! Si è scelto di “cambiare”. Già. Bel cambiamento: si scannano per gli assessorati.

 

Ulteriori notizie, commenti, dati sul seguente Sito:

http://cronachebrindisine.myblog.it/

Filia Solis – Terra di Brindisi

Filia Solis – Terra di Brindisi

video tratto da You Tube

http://www.youtube.com/watch?v=uoevl8uXZg8&feature=youtu.be



Io non so chi ha realizzato questo video e non so neppure quanto sia costato: tuttavia dovrebbe esser stato fatto con denaro pubblico. Non so quanto questo video abbia contribuito allo sviluppo turistico del territorio che ha voluto pronuovere: certo gli effetti non si vedono subito. Quel che però è certo ed inconfutabile è che, ad oggi, mercoledì 9 maggio 2012, questo video ha ricevuto solo 54 visualizzazioni (su you tube) e sono passati cinque mesi da quando è stato postato: in pratica lo hanno visto dieci persone al mese.

Io non sono l’economo ma sono un cittadino, un contribuente che ha sentito parlare di questo marchio “creato” per promuovere il territorio. E mi auguro che tale scopo venga raggiunto ed avrei piacere che venisse fornita, quando lo si riterrà opportuno, riferire alla popolazione gli effetti di tale campagna. Il denaro pubblico è giusto che venga utilizzato per promuovere il territorio e tuttavia, ribadisco, sarebbe bello poter conoscere i risultati di tale promozione.

Io pubblico questo video nella speranza che esso possa essere visualizzato sempre più. E lo faccio gratuitamente, lo pubblico ben volentieri: spero che anche questo possa contribuire a rafforzare la campagna ed a darle efficacia: onestamente che in cinque mesi soltanto cinquanta persone lo abbiano visto è un po’ poco.

AMMINISTRATIVE BRINDISI – Eletto il nuovo Sindaco ed il Consiglio Comunale

BRINDISI – Si sono svolte le elezioni per il rinnovo del consiglio comunale e per la elezione diretta del Sindaco. E’ risultato eletto Cosimo Consales (53,2%). Per i nomi della composizione del nuovo Consiglio occorrerà ancora attendere: bisogna verificare con esatezza l’attribuzione dei seggi ad ogni singola lista e solo allora conosceremo i nomi dei 32 consiglieri.

 

Ulteriori notizie, commenti, dati riguardanti Elezioni Amministrative di Brindisi  sul seguente Sito:

 

http://cronachebrindisine.myblog.it/


affluenza definitiva: a Brindisi ha votato il 70,19 % (52535 VOTANTI)

Chiuse le urne. Questa tornata Amministrativa è stata unica per Brindisi: per la prima volta -da quando esiste l’elezione diretta del Sindaco, cioè dal 94- non si è verificata la solita aggregazione, ossia due soli candidati “forti” (generalmente uno di centrodestra ed uno di centrosinistra) ed altri “minori”. Invece in questo caso la sinistra si è letteralmente spaccata in quattro (con altrettanti candidati sindaci) mentre il centrodestra si è presentato agli elettori unito attorno al Candidato Sindaco Mauro D’Attis.

Il dato sull’affluenza, come già appariva da ieri, parla di un calo dei votanti. Partendo dalla provincia possiamo dare già il dato definitivo di Erchie dove ha votato il 76.66%, quello di San Michele Salentino (75.06%) e quello di Fasano(74.15%).

Nella città di Brindisi il dato sull’affluenza è il seguente: dei 74 880 cittadini aventi diritto al voto si sono recati alle urne 52 mila e 535 persone  pari al 70.19%. Nel 2009 erano stati invece il 75.43. Pertanto il calo c’è stato ma non si tatta di un “crollo” come alcune Testate avevano scritto ieri sera: abbiano la umiltà di dire che hanno dato un giudizio avventato, frettoloso e in definitiva inesatto.

AFFLUENZA AMMINISTRATIVE – Alle 22 ha votato quasi il 49%.

In questo primo giorno elettorale (si può votare anche domani fin le ore 15) han votato, in media, la metà degli aventi diritto. Il dato nazionale, infatti, parla di una affluenza complessiva del 48,98% (rispetto al 54,85 della precedente tornata amministrativa).

La regione dove si è registrata l’affluenza piu alta risulta esser la Campania: 52,61%, con la percentuale piu alta in provincia di Salerno. Il dato piu alto è quello della Provincia di Lodi dove si è sfiorato, alle 22, il sessanta per cento (59,53 per la precisione).

La regione con affluenza media piu bassa è la Liguria(41,26%). Ma anche in Toscana gli elettori son stati finora pochi: il 41,96% degli aventi diritto al voto. “Picco” a La Spezia (39,46%).

ANTIPOLITICA – Oggi piu che mai EMERGENZA EDUCATIVA

EmOggi piu che mai EMERGENZAEDUCATIVA, ANTIPOLITICA, ergenza educativa. Certo, perché la disaffezione al voto è si, figlia della cattiva politica, ma è anche un fatto culturale, educativo e che va visto nella prospettiva assiologia. Come (pessimo) contraltare  -specie nel meridione- sussiste ed anzi prospera un sottobosco al di sotto dei politicanti(i quali, a loro volta, son “parassiti” dei politici) connotato da bassissima o inesistente scolarità, propensione alla disonestà, assenza di ogni idea di “bene comune”.

Ebbene, questa porzione di umanità –cui viene sottratta a loro insaputa anche la dignità- rappresentano per la più parte dei candidati (e futuri amministratori locali) la manodopera ed il terminale del meccanismo, pieno di storture ed illegalità, che porta alla “raccolta” dei voti.

C’è la manovalanza per la raccolta delle olive, ci sono quelli che servono per la vendemmia e poi ci sono questi disgraziati di cui si servono squallidi personaggi.

Ma tutti daremo conto a Dio.

AMMINISTRATIVE: Affluenza in calo? Macchè. Il caso-Brindisi

Non sono poi così negativi i dati comunicati dal Ministero dell’Interno riguardo l’affluenza alle urne. Naturalmente ci riferiamo alla Città di Brindisi, ma anche nei comuni della provincia interessati al voto le percentuali non sono da buttare. Partiamo proprio dal Comune Capoluogo dove alle ore 19 hanno votato il 37,24% degli aventi diritto al voto (che a Brindisi sono 74 880). Certo vi è un calo rispetto alla scorsa tornata amministrativa (quando aveva votato il 41%) ma data la crescente e nota disaffezione –che si “toccava con mano” in larghi strati della popolazione- e considerando anche la giornata decisamente “da mare” il dato dell’affluenza non può ritenersi particolarmente negativo. E’ da ritenere verosimile una corsa alle urne nella serata di oggi (in queste ore, quindi) senza considerare che è possibile votare anche domani, lunedì 7 maggio, dalle 7 alle 15.

 

In provincia il dato è piu o meno simile: 35,11% a San Michele Salentino, il 35,86% a Fasano e il 39,38% ad Erchie dove si registra quindi la percentuale più alta dei quattro comuni della Provincia brindisina e dove, addirittura, l’affluenza è in crescita rispetto al passato.

cosimo de matteis