Uno sturziano può avere simpatie per Giorgia Meloni?

GIORGIA MELONI

L’interrogativo è legittimo. E ci mancherebbe altro. Siamo in libertà, il regime fascista è finito da un pezzo (purtroppo non è finito l’odio, viscerale, verso il fascismo) e quindi siamo liberi. Diciamo così.

Già si immagina il disappunto di certuni: “STURZO È STATO UNA VITTIMA DEL FASCISMO!” Ma utilizzando lo stesso paragone si potrebbe dire che Sturzo è stato vittima della diccì, ed anzi si potrebbe aggiungere che fu addirittura il Vaticano a spingere per l’esilio di Don Luigi Sturzo. L’eroico prete siciliano ubbidì, come sempre. Ed oggi la Chiesa riconosce la santità di don Luigi Sturzo ammettendo, implicitamente, che molti ecclesiastici  sbagliarono nell’ostacolare l’azione politica sturziana. Persino il papa tanto caro a molti comunisti -Giovanni XXIII- ebbe a dire parole stupende per lui“Don Luigi Sturzo non ha nulla da rimproverarsi. ALTRI DOVREBBERO CHIEDERE PERDONO A LUI. La Chiesa lo ringrazia per l’esempio di preclare virtù sacerdotali, l’onore resole con i suoi studi, le sue pubblicazioni, la sua generosa ed eroica accettazione dell’esilio e soprattutto di aver sempre lottato con amore e perdonato evangelicamente”.

Semmai alcuni problemi potrebbero sorgere nel momento in cui si dà credito all’idea che Fratelli d’Italia -il partito di cui la romana Giorgia Meloni è indiscusso leader- sia sic et simpliciter  l’erede diretta di Alleanza Nazionale e addirittura del vecchio Movimento Sociale. Che era un partito -è sempre bene ricordarlo- abbastanza statalista. Forse il partito più statalista dopo la Dc ed il Pci.

Ma, come detto, non è scritto da nessuna parte che  siccome il vecchio Msi era, in parte, statalista debba esserlo necessariamente il partito che oggi, 2017, è guidato da Giorgia Meloni. C’è stata una notevole evoluzione nel centrodestra: è vero che l’indegno ed immorale Fini stava rendendo Alleanza Nazionale una sorta di diccì del duemila, questo è innegabile. Ma Fini, il suo partito (An) e le sue smodate ambizioni sono tutte crollate. E’ solo un incubo, un ricordo lontano.

Fratelli d’Italia porta avanti alcune idee ed ideali che furono del partito di Almirante, ma sono precisamente quelle idee e quegli ideali che non solo coincidono con l’humus cristiano del popolo italiano ma soprattutto non cozzano col Vangelo e la Dottrina cattolica.

Personalmente credo che saranno tanti gli italiani -forse milioni- a votare per Giorgia Meloni. E molti di loro saranno cattolici. E non incorreranno in alcuna scomunica: gli strepiti dossettiano-modernisti non fermeranno la volontà popolare.

Uno sturziano può avere simpatie per Giorgia Meloni?ultima modifica: 2017-12-04T19:18:02+01:00da dematteiscosimo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento