DAT, testate cattoliche et altro

safe_image.jpgTempi di agitazione e confusione. Prima una scossetta -derivante dal passaggio di alcune firme- e successivi strascichi di zolfo e silicio(ed un pò d’incenso, forse scaduto)- poi la nascita di alcune testate online, senza scordare -anzi!- la frammentazione (che  il fronte dei mangiapreti ancora non ha còlto.E meno male) della gallassia pro-life. E proprio riguardo ciò -ed in genere i temi eticamente sensibili, Avvenire, stando ad alcuni comunicati stampa da me ricevuti, avrebbe “perso la bussola“. Chiaro il riferimento al quotidiano online dove scrivono Messori, Invernizzi, Tornielli, Cammilleri, diretto da Riccardo Cascioli. E proprio un  editoriale di Cascioli (già al quotidiano edito dalla Nei) avrebbe rotto gli indugi e “ha lacerato l’imbarazzante velo di ignoranza che in questi mesi ha avvolto il dibattito interno al mondo cattolico sulle DAT” per riprendere le parole del Comitato Verità e Vita (nato da una costola del Mpv casiniano). Insomma, un bel pastrocchio. O forse un pasticciaccio, vedete voi. Io non faccio il mestieraccio (epperò neppure lavoro) ma deve essere abbastanza difficile di questi tempi occuparsi professionalmente delle cose di lassù. Ma, verrebbe da dire, almeno costoro percepiscono uno stipendio: pensiamo ai tanti fedeli disorientati da queste “battaglie” (vi prego di notare le virgolette!). Il quotidiano di riferimento -bisogna darne atto- prova a barcamenarsi e, da sempre, a dare spazio alle voci critiche. Ecco:ci  prova. Ma, per quanto lodevole il tentativo, non sempre si riesce. Ed ecco che l’ùmbro coll’accento toscano risponde, nel numero odierno, a Sara Fumagalli, Cordinatrice della Associazione Umanitaria Padana, manco fosse la casalinga di Voghera di turno. Emblematico il tono, lapidario il titolo (“Non pregiudizi, ma valori”). E spot finale (“A lei consiglio, invece, un semplice “esame” ovvero la lettura costante di Avvenire che evidentemente scorre solo di quando in quando”).  Non sappiamo se la Fumagalli ora incrementerà le vendite di Avvenire (ma magari il Direttore può attivare un abbonamento-dono…) ma non crediamo che la risposta sia stata soddisfacente. Di là dall’episodio -in fondo marginale- appena riportato è evidente una certa tensione. Verrebbe persino da dar la colpa al “giornale” che ha disarcionato Boffo, ma oramai è andata. Le testate si moltiplicano, si frammentano, le firme sugellano “patti” e noi, comuni fedeli, ci capiamo poco. Ovviamente per colpa nostra. Meno male che il Papa c’è.

cosimo de matteis

DAT, testate cattoliche et altroultima modifica: 2011-05-03T17:44:26+02:00da dematteiscosimo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento