26 novembre……..IN SILENZIO!

Può anche darsi -non lo escludo-

che qualcosa possa essermi sfuggito.

Tuttavia da una carrellata di quotidiani

riviste

siti web

e altro

non ho trovato da nessuna parte neppure una riga.

 

Dedicata a cosa?

Al fatto che ieri ricorreva il

139 ° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA

DI DON LUIGI STURZO

licenziato postino senza motivo

Come avrebbe commentato il Servo Di Dio DON LUIGI STURZO il seguente fatto di cronaca?

ALBA: LICENZIATO POSTINO SENZA MOTIVO
……………………………….

Mentre la disoccupazione -giovanile e non solo- cresce e tocca livelli altissimi, l’Azienda non trova di meglio che licenziare un portalettere che aveva un regolare contratto a TEMPO INDETERMINATO.

E’ successo ad Alba, in piemonte.

Nella cittadina cuneese già da tempo i cittadini son esasperati per il pessimo servizio offerto (non si contano le proteste sui giornali e pure online, oltre a quelle silenziose dei cittadini onesti che subiscono senza parlare) in particolare riguardo il recapito.

Ebbene, di recente è successo un fatto che, nelle poste, è (era?) un episodio tuttaltro che frequente, ossia il LICENZIAMENTO in tronco di un dipendente. Si badi: la persona in questione era titolare di un regolare CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO, quindi niente trimestrali o roba simile. La cosa piu incredibile è che la persona non ha ricevuto nessuna comunicazione riguardo le M O T I V AZ I O N I alla base di tale assurdo licenziamento in tronco.

Dalle notizie trapelate -e comunque vi terremo informati- non pare che il dipendente licenziato avesse commesso qualcosa tale da motivare il suo licenziamento. Alcuni colleghi, da noi sentiti personalmente, non riescono a spiegarsi tale licenziamento. Il portalettere licenziato viene descritto come un lavoratore onesto, zelante e scrupoloso.

Ricordiamo che il CPD di Alba (CN) è diretto da franca grasso.

La lettera di LICENZIAMENTO è firmata da luca orlando.

Curioso un fatto: proprio nei giorni scorsi nel CPD di Viale Industria si era tenuta una affollata assemblea con la partecipazione dei maggiori rappresentanti di tutte le sigle sindacali e, per la ennesima volta, il tema all’ordine del giorno è stato il pessimo rapporto umano che i responsabili del CPD albese tengono nei confronti dei dipendenti.

E se un saluto non dato o una parolaccia urlata in volto son già cose gravi e spiacevoli, figuriamoci cosa è un LICENZIAMENTO IN TRONCO, senza fornire uno straccio di motivazioni.

http://cosimino.myblog.it/archive/2010/11/12/alba-licenziato-postino-senza-motivo.html